Le ricette tradizionali siciliane - I dolci tipici della Festa dei Morti
 
Stai leggendo il giornale digitale di IS Einaudi Pareto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

IS Einaudi Pareto Ricette 15/11/2018 15/11

Le ricette tradizionali siciliane

I dolci tipici della Festa dei Morti

Vi presento le ricette tradizionali della Festa de Morti in Sicilia.

 

La ricetta dei Crozzi ‘i Mottu (Ossa di morti)

Ingredienti:

500 gr di farina 00

600 gr di zucchero bianco

150 ml di acqua

un cucchiaino di cannella in polvere

un cucchiaino di chiodi di garofano macinati

 

Procedimento:

In un pentolino riscaldare l’acqua e aggiungere lo zucchero poco alla volta, spegnendo il fuoco prima che l’acqua inizi a bollire.

In un recipiente mescolare la farina, la cannella e i chiodi di garofano, aggiungendo lo sciroppo ottenuto da acqua e zucchero e impastare il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo, liscio e sodo.

Iniziare a lavorare la pasta con le mani, ottenendo un filone spesso 2 cm.

Tagliare il filone a tocchetti di 3-4 cm e dare a ciascun tocchetto la forma di un osso.

Posizionare i biscotti ottenuti in una teglia precedentemente rivestita di carta da forno a una distanza di 5 cm l’uno dall’altro.

Coprire i biscotti con uno strofinaccio e lasciare asciugare per 2-3 giorni.Il terzo giorno i biscotti avranno un colorito biancastro.

Bagnare la basedelle ossa di morto con acqua e trasferirli su una teglia rivestita con carta da forno bagnata.

Metterein forno preriscaldato a 180° per 10-15 minuti, affinché lo zucchero all’interno delle ossa di morto, sciogliendosi, tenda a formare una base caramellata di colore scura e dura, creando un contrasto con la parte superiore biancastra e friabile.

Una volta completata la cottura, estrarre la teglia dal forno e lasciare che le ossa di morto si raffreddino prima di consumarle.

 

La ricetta dei Tetù o Catalani

Ingredienti per la pasta:

500 gr di farina 00

Un pizzico di bicarbonato

Un uovo

Un pizzico di sale

150 gr di zucchero bianco

Semi di un baccello di vaniglia

150 gr di strutto

150 gr di mandorle pelate e tritate finemente

Latte q.b.

 

Ingredienti per la glassa:

250 gr di zucchero a velo

2 albumi

2 cucchiai e mezzo di cacao amaro

 

Procedimento:

Dopo avere setacciato la farina con un pizzico di bicarbonato, unire gli altri ingredienti e amalgamarli incorporando, poco per volta il latte necessario, fino a ottenere un composto sufficientemente morbido. A questo punto, ricavare delle palline e posizionarle su una teglia precedentemente imburrata o foderata di carta da forno. Successivamente mettere in forno preriscaldato a 170° per circa 30 minuti.

Per la glassa: in una ciotola battere gli albumi e unirli allo zucchero a velo setacciandolo. Mescolare energicamente con una frusta per una decina di minuti finché si otterrà una crema densa senza grumi. Per ottenere una glassa scura ,in una ciotola separata,  unire il cacao e amalgamare per qualche minuto.

Sfornare i biscotti, farli intiepidire, spennellarli con le glasse preparate in precedenza per ottenere biscotti color cioccolato e biscotti bianchi, rimettere in forno a 150° per altri 5 minuti.

 


La ricetta della “frutta di Martorana”

La ricetta della Martorana o pasta reale , ci viene tramandata dalle suore benedettine del convento della Martorana di Palermo, da cui prende il nome. Oggi chi la prepara si sbizzarrisce a creare varie forme, dalla frutta ai cibi.

Ingredienti:

1 kg di farina di mandorle

1 kg di zucchero

250 gr di acqua

½ bustina di vanillina

 

Procedimento:

Sciogliere lo zucchero nell’acqua a fiamma bassa mescolando continuamente. Spegnere il fuoco e unire la farina di mandorle e la vanillina.

Amalgamare bene fino a che il composto non avrà assunto una consistenzacompatta, liscia e morbida, tanto da staccarsi dal tegame. Versare il composto su una spianatoia inumidita con l’acqua. Lasciare raffreddare l’impasto e lavorarlo fino ad ottenere un composto compatto e liscio.

Modellare la pasta di mandorle utilizzando le formine apposite,  generalmente  realizzate in gesso e in terracotta. Per evitare che l’impasto si rompa all’interno dello stampo, rivestite gli stampi con della pellicola trasparente.

Non appena la frutta di Martorana sarà pronta, disponetela su un vassoio e lasciatela asciugare per un giorno prima di colorarla.

Per decorare la frutta di Martorana utilizzate i coloranti alimentari in polvere, diluendoli con qualche goccia di acqua. Terminata la decorazione della martorana, aspettate un paio d’ore prima di confezionarla o mangiarla.

di Maria Rosaria Ippolito


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi