Il giorno dell’Immacolata in Sicilia - Tradizioni a Palermo.
 
    Stai leggendo il giornale digitale di IS Einaudi Pareto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    IS Einaudi Pareto Attualità 07/12/2018 07/12

    Il giorno dell’Immacolata in Sicilia

    Tradizioni a Palermo.

    L’8 Dicembre è l’Immacolata Concezione, la festa con la quale inizia un periodo di festeggiamenti, che da noi del Sud comprende anche la vigilia, il giorno 7.

    Già a fine Novembre tra le famiglie si sente la tipica frase “tu chi fai pa Maruonna? “ (“tu che fai per la Madonna?” cioè, ci si informa per sapere che programmi si hanno per tale festa) oppure la frase “chi cosa amu a manciari?” (“che cosa dobbiamo mangiare?”)  da lì si inizia a decidere cosa si farà, dove si mangerà e soprattutto cosa si mangerà.

    In queste occasioni noi  Siciliani siamo bravissimi a mischiare il sacro e le tradizioni culturali gastronomiche laiche che fanno parte della nostra cultura. Non c’è da stupirsi se nelle nostre case si troveranno per queste tradizioni solo “i parenti più stretti”, circa 35-40 persone, o se si tornerà a casa “rotolando” per l’abbuffata, tutto normale, per noi funziona così! Per non parlare delle giocate a carte (esclusivamente siciliane) o la giocata a tombola, gioco che viene fatto per render felici gli anziani e i bimbi.

    Dunque il tutto inizia il 7 con un menù tipico che penso sia lo stesso da almeno 100 anni, perché noi alle tradizioni ci teniamo e le tramandiamo da generazione in generazione.

    Si inizia mangiando pizza, “sfincione” e molte famiglie si delizieranno col famosissimo “Baccalà” o stoccafisso, che viene cucinato fritto o con il condimento dello “sfincione”, oppure i cardi fatti in pastella, i broccoletti e, a fine pasto, frutta secca, panettoni di tutti i tipi, dolci e liquori vari che accompagneranno il momento di gioco.

    “Le giocate” iniziano il 7 Dicembre e finiscono il 6 Gennaio con i tipici giochi come “trentuno”, “salta cavallo” “cu cu” e molti altri.

    E’ un momento unico, in cui in tavola trovi riuniti tutti, dal nonno al cuginetto di qualche anno.

    Il  giorno seguente si mangeranno gli anelletti al forno, con il ragù cucinato dalla nonna alle 6 del mattino, perché il bello delle feste è anche questo per noi del sud: metti il naso fuori casa e puoi sentire tutti gli odori già all’alba. Le donne di casa in meno di due ore avranno già smontato intere stanze pur di fare spazio e già all’alba  il tavolo sarà pronto, apparecchiato per accogliere di lì a poche ore  tutte le delizie che verranno cucinate durante la giornata con tanto amore.

    Oltre agli anelletti troveremo sulle tavole anche le tartine, fatte in tutti i modi come antipasti, seguite da  carciofini, zucchinette ecc.. Come secondo solitamente si troveranno la salsiccia con le patate o la carne con i pisellini e le carotine: Il tutto ovviamente servito in porzioni “extra large.”

    I pranzi possono protrarsi anche per  5 ore, si sta lì a parlare, ridere, ricordare momenti belli passati insieme. Alle volte è difficile avere una comunicazione efficiente in quanto si è davvero in tanti e si è davvero rumorosi.

    Dopo aver mangiato dolci di tutti i tipi si passerà nuovamente a giocare a carte e poi quando saranno circa le 20:30 si sentirà la fatidica frase: “chiffà mettiamo a tavola n’zuoccu arristò?” (“che ne dite, mettiamo  in tavola ciò che è avanzato?”) e si ricomincia a mangiare.

    Ci sarà sempre qualcuno che dirà di essere pieno, che starà a tavola “solo per compagnia” e poi  mangerà pure la “nonna in brodo”, dopo qualche altra partita a carte e poi, dopo la spartizione del cibo rimasto e conservato in appositi contenitori,  tutti insieme daranno una mano alla padrona di casa per rimettere in ordine e, quindi, ognuno tornerà a casa propria.

    Per molti può risultare incomprensibile questo nostro modo di fare, a volte anche noi pensiamo che vorremmo cambiare per almeno un anno, evadere da tali consuetudini, vorremmo  fare altro, ma poi, quando riusciamo a organizzare qualcosa di diverso, tutto ciò ci manca, perché fa parte di noi siciliani, del nostro modo di essere,  delle nostre tradizioni più profonde e penso che dobbiamo far di tutto per tutelarlo, perché nonostante i pensieri, le disgrazie e le difficoltà, presenti  in tutte le famiglie, dateci del cibo e lo stare bene  insieme e tutto passa, almeno per un giorno… almeno per un pranzo!

    di Giuseppa Vitale


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi