A Scuola di OpenCoesione: un’ Alternanza Scuola-Lavoro di valore - La partecipazione dell’Istituto Einaudi-Pareto ad ASOC1718
 
Stai leggendo il giornale digitale di IS Einaudi Pareto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

A Scuola di OpenCoesione: un’ Alternanza Scuola-Lavoro di valore

La partecipazione dell’Istituto Einaudi-Pareto ad ASOC1718

L’Istituto “Einaudi-Pareto partecipa  da anni al progetto A Scuola di OpenCoesione, per stimolare nei ragazzi una cittadinanza consapevole e attiva e far comprendere loro le politiche di coesione dell’EU.

Lo scorso anno, la mia classe, IV D SIA, su proposta della nostra tutor di Alternanza Scuola Lavoro, ha scelto di partecipare a questo progetto, in alternativa all’attività prevista per le classi quarte, consistente in un’attività di simulazione di impresa svolta in aula. In seguito alla presentazione fattaci dalla nostra tutor, abbiamo compreso che questo progetto ci avrebbe aiutati a  crescere e migliorare, sia come studenti, sia come cittadini attivi sul territorio.

Le lezioni sono state impartite dall’arch. Domenico Caeti, rappresentante di Carrefour Sicilia Europeo Antenna d’informazione.  Ad ogni lezione seguiva lo svolgimento di homework e la consegna di un report. Il progetto si è articolato in  5 fasi: progettare, approfondire, analizzare, esplorare e raccontare.

Nella prima fase abbiamo anzitutto appreso come navigare sul  portale governativo OpenCoesione, all’interno del quale sono riportati i dati aperti di tutti i progetti finanziati dalla politica di coesione europea. Successivamente  abbiamo espletato una “data expedition” durante la quale la classe, divisa in piccoli gruppi, ha selezionato progetti ritenuti interessanti. Nel corso di un dibattito aperto in classe, poi, ogni gruppo ha presentato e sostenuto la propria scelta, in modo da convergere, previa votazione, su un unico progetto. Nel nostro caso è stato scelto il progetto “Quartiere Vivo”, rientrante nella tematica “Agenda digitale” e avente come obiettivo operativo “Rafforzare la rete dei servizi di prevenzione e delle attività orientate alle situazioni di maggiore disagio nelle aree urbane”. Si è trattato di un progetto rivolto alla crescita e al miglioramento della vita dei cittadini del quartiere Zen di Palermo, attraverso una più fattiva presenza della Polizia municipale, che offriva maggior controllo nel quartiere, organizzava corsi di educazione stradale  nelle scuole medie statali della zona e collaborava con alcune associazioni. In omaggio al noto film ambientato nel quartiere Zen,il team si è dato il nome“Ragazzi fuori: la rinascita”; la rinascita allude al fatto che, da palermitani, speriamo in un miglioramento delle condizioni di vita di questo quartiere. All’interno del team ciascuno di noi, in base alle proprie attitudini, si è scelto un ruolo, tra projectmanager, storyteller, designer (autori del logo del team), coder, scout, analisti, social media- PR. Il sottoscritto era uno degli storyteller.

Siamo passati dunque alla seconda fase , nel corso della quale abbiamo approfondito la storia del progetto OpenCoesione, attraverso una ricerca  in rete dei dati secondari  sia  amministrativi, sia  inerenti all’attenzione mediatica suscitata. Siamo così risaliti al progettista, un comandante della Polizia municipale, e a tutti gli altri attori, cioè la prof. Saverino responsabile dell’educazione alla legalità dell’IC. “G. Falcone” dello Zen e i responsabili delle associazioni “Giustizia per le strade”, “Euro” e  FAI, che avevano collaborato alla realizzazione del progetto. Questa fase si è conclusa con l’obiettivo di contattare tutti questi soggetti per intervistarli e raccogliere dati primari.

Nella terza fase abbiamo raffinato e elaborato tutti i dati primari e secondari, ampliandoli con altri dati relativi agli incidenti stradali, alla disoccupazione, all’abbandono scolastico e alla violenza di genere nella città di Palermo e in particolare nel quartiere San Filippo Neri, meglio conosciuto come ZEN (Zona Espansione Nord). Tali dati sono poi stati elaborati graficamente e presentati, con il resto del lavoro svolto, all’evento “Settimana dell’Amministrazione aperta”, tenutasi il 4 marzo 2018 presso l’ex Chiesa di San Mattia ai Crociferi. Nel corso di questo evento tutti i team palermitani che partecipavano al progetto ASOC1718 hanno presentato i lavori e intervistato i soggetti istituzionali del proprio progetto.

In possesso di tutti i dati primari e secondari, non restava che affrontare la quarta fase e recarsi nel quartiere per verificare sul campo la ricaduta che questo progetto aveva avuto sugli abitanti del quartiere. Abbiamo dunque visionato l’esistenza dei mezzi per il controllo del territorio acquistati dalla Polizia Municipale, incontrato gli agenti che ogni giorno prestano servizio nel quartiere, constatando che, con la loro costante presenza, anche il rapporto con i cittadini era migliorato;  infine, con l’aiuto della prof. Saverino, abbiamo potuto anche incontrare soggetti che a vario titolo avevano beneficiato di questo progetto.

A questo punto eravamo pronti per raccontare la nostra esperienza. Il progetto prevedeva la realizzazione di un elaborato creativo. Il nostro team ha scelto di realizzare un e-book. che è suddiviso in tre parti: la prima, in cui raccontiamo che cosa è “A Scuola di OpenCoesione” e le varie fasi del progetto, la seconda in cui abbiamo rielaborato delle storie che ci hanno raccontato gli abitanti del quartiere ZEN e infine la terza,  in cui   traiamo le nostre conclusioni, e cioè che un miglioramento vi era stato, ma che bisognava dare continuità a ciò che il progetto aveva realizzato affinché gli sforzi fatti non andassero perduti. Dunque, ci siamo ripromessi di fare del volontariato presso la scuola “Falcone” dello Zen.

Partecipare a questo progetto è stata un'importante opportunità per imparare a renderci attivi per la nostra città, ma anche per acquisire competenze spendibili nel futuro lavorativo: abbiamo approfondito le fasi di elaborazione di  un progetto, abbiamo preso consapevolezza della disponibilità dei fondi dell'Unione Europea per la riqualificazione e il recupero delle aree svantaggiate del nostro territorio; abbiamo inoltre imparato ad approfondire un tema attraverso la ricerca, cercando di capire meglio tutti gli aspetti che lo caratterizzano, a realizzare dei grafici e a interpretarli correttamente; infine, esperienza molto importante, siamo entrati in contatto con istituzioni, come la Polizia municipale e la scuola media “Falcone”, e varie associazioni, comprendendo cosa succede intorno a noi (senza che ce ne rendiamo conto!) e che dunque è fondamentale informarsi costantemente per sapere quali iniziative vengono prese nella nostra stessa comunità.

 

Cliccando al seguente link potrete vedere il nostro elaborato (visibile solo al pc):

http://ragazzifuorilarinascita.altervista.org/index.html

di Francesco Palmeri


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi