Museo Falcone-Borsellino dentro il Tribunale di Palermo - “Luoghi della memoria”
 
Stai leggendo il giornale digitale di IS Einaudi Pareto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Museo Falcone-Borsellino dentro il Tribunale di Palermo

“Luoghi della memoria”

Riceviamo dal prof. Salvo Di Marco e volentieri condividiamo la restituzione  di una significativa attività organizzata dal nostro Istituto, nell’ambito delle iniziative culturali della  Settimana dello studente.

Lo scorso mese di dicembre, le classi III D e III E, accompagnate dai docenti Cuocci, Croce, Firinu, Puccia e Di Marco, si sono recate in visita al Museo “Falcone-Borsellino” presso il Palazzo di Giustizia di Palermo.

Questo museo è davvero unico perché è un luogo della memoria, realizzato proprio negli uffici posti nella zona protetta e sicura detta bunkerino,  dove i due grandi magistrati palermitani lavorarono  negli anni ’80; per iniziativa dell’associazione nazionale magistrati è  visitabile dal 23 maggio 2016.

Cicerone del museo è Giovanni Paparcuri, straordinario collaboratore dei due giudici antimafia nell’informatizzazione del maxiprocesso, sopravvissuto all’attentato del 29 luglio 1983 in cui furono uccisi il giudice Chinnici, i carabinieri Trapassi e Bartolotta e il portiere dello stabile Li Sacchi.

Entrare nelle stanze di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino suscita tante forti emozioni, poiché vi  trascorsero tanti giorni a studiare documenti, condurre inchieste, istruire processi e a scrivere (Falcone con la stilografica e Borsellino con la macchina dattilografica) atti di accusa per centinaia di mafiosi.  Inoltre, è possibile trovare i verbali d’interrogatorio del pentito Buscetta e le dichiarazioni di Contorno, Marino Mannoia e Calderone, che permisero di far luce su molte responsabilità criminali; sono inoltre esposti alcuni oggetti personali (stilografica, toga, borsa da lavoro, ecc.), fotografie ed articoli dei giornali dell’epoca. Molto toccante e significativa è la testimonianza di Paparcuri , che è stato a stretto contatto con i due giudici per diversi anni  e ne ricorda anche inediti aspetti  umani e personali. Tutto ciò crea, all' interno del museo, un’atmosfera intensa e toccante, che consente di rivivere in pieno il clima in cui i due magistrati operarono e restituisce loro una particolare concretezza umana.

Ai giovani studenti e ai docenti la visita ha consentito di riflettere sulle tante difficoltà che Falcone e Borsellino incontrarono, ma anche sulla determinazione con cui lottarono contro Cosa nostra: un' importante eredità civile per le nuove generazioni.

                                                                                                            Prof. Salvo Di Marco 

di Paola Ferotti


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi