Tradizioni siciliane legate alla festività di San Giuseppe - Palermo, Godrano, Poggioreale e Salemi
 
    Stai leggendo il giornale digitale di IS Einaudi Pareto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Tradizioni siciliane legate alla festività di San Giuseppe

    Palermo, Godrano, Poggioreale e Salemi

    San Giuseppe è considerato il protettore dei poveri, dei bisognosi e dei falegnami.

    Le celebrazioni della festa di San Giuseppe risalgono al 1400.

    In Sicilia è uno dei santi più amati, soprattutto per i molteplici festeggiamenti a lui connessi.

    La sua festa viene celebrata il 19 Marzo.

    Nei quartieri di Palermo viene festeggiata questa ricorrenza accendendo dei falò, in cui vengono bruciati  mobili vecchi per alimentare la “vampa di San Giuseppe”.

    È un’usanza legata al mondo contadino, infatti nell'antichità si accendeva il fuoco per purificare i campi. Si tratta di un rito legato al culto del sole, che coincide con l’equinozio di primavera, stagione dell’abbondanza. Con questa consuetudine si  allontanava la stagione fredda per salutare l’arrivo della copiosa stagione .

    Un’altra tradizione, legata alla festa, è quella di andare in chiesa a benedire i pani votivi. Questi pani hanno diverse forme, tra le quali  la palma, simbolo di redenzione e di salvezza. Tuttavia sono più diffusi i panetti tondi con i semi di finocchio e anice.

    A Palermo  si usa consumare, per tale occasione, la pasta con le sarde e la sfinge di San Giuseppe.

    A Godrano (PA), viene allestita una ricca tavolata all’aperto vicino alla Chiesa. Questa “festa” coinvolge molteplici famiglie, le quali portano vari cibi e dolci tradizionali.

    Infatti, è consuetudine  preparare una minestra detta “macco” o minestra di San Giuseppe di legumi vari e  finocchietto selvatico.

    Mentre il 19 Marzo a Poggioreale (TP), San Giuseppe si festeggia con la processione del simulacro (Santo) per le vie del paese e la visita degli altari.

    Il 18 Marzo viene fatta la benedizione degli “altari di San Giuseppe”.Altare Pro Loco Elìmo - Poggioreale

    L’allestimento di questi risale al 'Settecento e i devoti, lo fanno per ricambiare il santo della grazia ricevuta. Gli altari sono adornati con rami di alloro e di arance, pani votivi, dolci tipici tra cui: lo squartucciato:  un dolce  le cui origini risalgono a tempi lontanissimi, emblema della fertilità e  dell’abbondanza che  raffigura  il Bastone fiorito di San Giuseppe, uno dei simboli della tradizione paleo-cristiana. Il termine “squartucciato” significa lavorato finemente ad intaglio in modo che  la parte intagliata viene asportata per fare risaltare le maestose forme  come  veri e propri ricami.I pani votivi denominati "cucciddata", invece, hanno forma rotonda e ciascun pane pesa otto-dieci chili. Secondo la tradizione il numero dei pani non può essere inferiore a tre, in omaggio al numero dei componenti della Sacra Famiglia.

    Ogni anno a marzo per la festa di San Giuseppe di Poggioreale, gli altari vengono visti da molti visitatori provenienti da tutte le province della regione.

    Anche a Salemi, la tradizione degli altari di San Giuseppe è molto sentita. Infatti, chi realizza gli altari è molto attento e meticoloso nel farlo.

    Qui, il periodo della festa di San Giuseppe dura una settimana intera, dal 14 al 22 marzo, ma la sua celebrazione ha luogo il 19 marzo. Per tutta la settimana si potranno fare delle visite guidate, per le “Cene di San Giuseppe”: gli altari, decorati con pani votivi, agrumi e il bosso, una pianta cespugliosa.

    La preparazione degli altari coinvolge donne e uomini.Altare di Salemi

    Gli uomini realizzano un componimento, che ha una base in ferro e la parte superiore di canne intrecciate che si chiudono a forma di cupola, formando un piccolo tempio rivestito di alloro e bosso. All’interno viene posto un altare con la rappresentazione della Sacra Famiglia.

    Le donne, invece, sono le addette alla preparazione dei pani,  modellati secondo vari simboli religiosi tra cui: il pesce, il sole (Dio) e la luna (la Madonna), simboli della Pentecoste e simboli della natura.

    Negli altari si fa una distinzione tra i “pani da mensa” e i “pani dei santi”.  I primi vengono appesi alla struttura e i secondi adagiati sull’altare stesso. Ai piedi degli altari si mette un agnello di pane o di gesso, dei mazzi di finocchi, germogli di frumento e un asciugamano piegato a forma di “M”, tutti questi simboli hanno significati religiosi.

    Tutto ciò rappresenta la devozione dei fedeli nei confronti di San Giuseppe ed è un mezzo per diffondere la misericordia e la fede.

    di Maria Rosaria Ippolito


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi