Nel mirino il benessere degli allievi dell’"Einaudi-Pareto" - Gli studenti del Progetto ISTAT illustrano i risultati della loro indagine
 
    Stai leggendo il giornale digitale di IS Einaudi Pareto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Nel mirino il benessere degli allievi dell’"Einaudi-Pareto"

    Gli studenti del Progetto ISTAT illustrano i risultati della loro indagine

    Lo scorso 21 maggio, nell'Auditorium della sede centrale del nostro Istituto si è svolto l'evento finale del Progetto ISTAT, un'attività di Alternanza Scuola-Lavoro che ha coinvolto negli ultimi due anni scolastici un gruppo di studenti provenienti da tre distinte classi, le attuali 5A S.C., 5A A.F.M. e 5C S.I.A..

    Una prima fase del progetto, col quale la sede regionale dell'ISTAT persegue l'obiettivo di "diffondere la cultura statistica sul territorio" (compito istituzionale, peraltro, del nostro Istituto di ricerca), si era svolta l'anno scorso con l'intento di mostrare ai partecipanti la gran mole di dati disponibili al cittadino sulla piattaforma I.Stat., dati open, e come scaricarli e utilizzarli attraverso ogni forma di rielaborazione disponibile. In quella fase, i funzionari ISTAT che hanno portato avanti il progetto avevano infatti mostrato come condurre tali rielaborazioni (tabellari e grafiche) attraverso l'utilizzo dei comuni programmi di calcolo, e come trarre informazioni da esse. Su indicazione dei docenti (fra i quali lo scrivente in qualità di referente d'Istituto) che avevano precedentemente partecipato al Progetto "Statistica per docenti", tenuto anch'esso dall'ISTAT di Palermo, l'attenzione era stata focalizzata sui dati attinenti al BES (Benessere Equo e Sostenibile), una tematica di grande attualità che avrebbe facilmente coinvolto gli studenti. E così è stato. In quell'occasione, infatti, gli studenti hanno avuto occasione, fra l'altro, di approfondire il concetto di benessere nelle sue mille sfaccettature, un concetto che nella sua dimensione soggettiva (il "sentirsi bene") trova un aspetto complementare, di assoluto rilievo, al classico "benessere economico", tradizionalmente preso a riferimento parlando di "benessere" e più in generale di sviluppo di un Paese. In tal senso, indici come il PIL, al quale da parte dei poteri politici ed economici si guarda sempre con grande rispetto e timore, ci appaiono alquanto obsoleti...

    Il passaggio alla seconda fase non era scontato, ma si è ritenuto di non potere sottrarre ai nostri ragazzi l'opportunità di avvalersi della preziosissima collaborazione dei nostri "Amici ISTAT" per accrescere le loro competenze tecniche - quelle più strettamente attinenti alla conduzione di un'indagine statistica, dalla sua progettazione alla presentazione dei risultati - e quelle, più trasversali, legate, ad esempio, alla capacità di lavorare in équipe e a quella di esercitare il ruolo di cittadini attivi e consapevoli.

    Fin dai primissimi incontri di questa seconda fase, è emerso negli alunni il desiderio di condurre una ricerca sul grado di benessere degli alunni dell'Istituto, e più in particolare del "benessere a scuola"; ipotesi di lavoro che ho prontamente sostenuto e incoraggiato, anche perché avremmo in tal modo potuto raccogliere una serie di dati utilizzabili dalla dirigenza, e più in generale dalla componente docente, per conoscere il grado di soddisfazione della nostra utenza e potere eventualmente approntare, attraverso le giuste leve, delle misure correttive.

    Grazie alla pazienza, alla disponibilità e alla competenza delle dott.sse Puglia e Ioppolo e dei dott. Mistretta, Bellafiore, Rizzo e Vassallo, ai quali vanno i nostri più sentiti ringraziamenti, i nostri ragazzi hanno potuto sperimentare, in questa occasione, la professione dello statistico, approcciandosi alle varie fasi di lavoro - pianificazione, individuazione delle dimensioni del concetto "benessere" di interesse e delle variabili che meglio potessero descriverle, costruzione del questionario, costruzione del campione, conduzione delle interviste, analisi e commento dei risultati - in modo rigorosamente scientifico. Così facendo, è stata assicurata validità "oggettiva" ai risultati dell'indagine, e si è fornito alla nostra comunità scolastica un prodotto finito di indubbio valore conoscitivo.

    Martedì scorso, davanti ad una platea composta dagli alunni di alcune classi dell'Istituto con i loro docenti accompagnatori, dalla nostra Dirigente, prof.ssa Maria Rita Di Maggio, e dai nostri preziosi collaboratori ISTAT, inclusa la Dirigente della sede regionale per la Sicilia e la Sardegna, Dott.ssa Abate, gli studenti hanno illustrato con rigore e puntualità, sottolineando i punti critici ma anche le numerose note positive, i dati più significativi emersi dall'indagine condotta. E lo hanno fatto attraverso una presentazione multimediale accattivante che ha esaltato le loro doti di fantasia. Gli stessi hanno anche mostrato una buona capacità di autovalutazione, quando hanno sottolineato la migliorabilità del questionario da loro stessi costruito.

    Sinceri apprezzamenti sono stati espressi dalla nostra Dirigente, dalla dott.ssa Abate, e dal dott. Foderà, anch'egli dell'ISTAT.

    Un'esperienza, dunque, da archiviare con un giudizio ampiamente positivo. L'auspicio è che questa fruttuosa collaborazione fra noi e l'ISTAT si ripeta nei prossimi anni fino a diventare un connubio che porti i nostri studenti ad un arricchimento delle loro competenze e doti la nostra Istituzione di uno strumento di sistematica monitorizzazione del benessere dei nostri allievi.

    Chi volesse visionare i risultati dell'indagine potrà farlo collegandosi al seguente indirizzo: https://drive.google.com/open?id=1HMGlH1oraZm1MEDnIgy5JSOrpOWIydvj

    (Per una visualizzazione corretta è necessario scaricare il documento)

    di Giovanni Ustica - Docente


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi