GIORNATA MONDIALE DELLA DIVERSITA’ CULTURALE - Apriamo le finestre al potente vento della diversità!
 
    Stai leggendo il giornale digitale di IS Einaudi Pareto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    GIORNATA MONDIALE DELLA DIVERSITA’ CULTURALE

    Apriamo le finestre al potente vento della diversità!

    La Giornata Mondiale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo è stata istituita per la prima volta nel dicembre del 2002 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e viene celebrata il 21 maggio di ogni anno. E’ nata come conseguenza dell’adozione, da parte dell’UNESCO, della Dichiarazione Universale sulla Diversità Culturale e si pone l’obiettivo di promuovere la conoscenza e il rispetto per le differenze culturali al fine di “incrementare il potenziale della cultura come mezzo per il perseguimento della prosperità, dello sviluppo sostenibile e di una coesistenza globale pacifica” (Dichiarazione Universale sulla Diversità Culturale”, 2001).

    Irina Bokova, direttore generale dell’UNESCO, sostiene che la Giornata è un’occasione per rendere noto a tutto il mondo che la diversità culturale è un bene da custodire e non qualcosa da disprezzare. Così come la diversità naturale è essenziale per la sostenibilità degli ecosistemi, ugualmente la diversità culturale è linfa vitale per le società dinamiche e propone idee e prospettive che arricchiscono la nostra vita e ci fanno crescere insieme.

    D’altronde la diversità culturale è oggi presente in numerosi aspetti della vita quotidiana di tutti noi.

    Pertanto, nella società moderna in cui viviamo, è di vitale importanza far crescere i giovani insegnando loro a vivere in pace tra lingue, tradizioni e religioni diverse, anche perché, nelle classi di qualsiasi scuola di ogni ordine o grado, la presenza di alunni di culture diverse si è rivelata una ricchezza che crea tra gli studenti inclusività, coesione sociale, solidarietà, cooperazione e rispetto delle culture altrui.

    Anche nel luogo di lavoro la multiculturalità è un fattore positivo, non solo perché lo rende più innovativo, ma anche perché aumenta la produttività e il rendimento economico.

    Lo stesso avviene nello sport che sempre è stato un collante tra atleti e sportivi provenienti da ogni parte del mondo.

    Per non parlare della cucina: quante bontà culinarie e piatti tipici di origine diverse sono diventati uno strumento di integrazione, perché, come ha scritto Rocco Pozzulo, presidente della Federazione Italiana Cuochi, “il cibo offre e condivide, aiutando gli altri a comprenderne il senso conviviale e sociale oltre che gastronomico” (in www.Italiaatavola.net). E così è sempre più frequente, nelle nostre città, la presenza di ristoranti che offrono la polenta accanto a locali che vendono il kebab ed entrambe le pietanze sono ugualmente apprezzate. 

    Non è sempre facile però attuare ciò che l’UNESCO si è prefissato quando ha creato questa Giornata: bisogna fare i conti con coloro che commettono violenze contro le minoranze culturali, come gli estremisti politici o religiosi che mirano ad indebolire i legami fra i popoli.

    Legami che invece devono essere mantenuti nonostante le differenze, o meglio, “per” le differenze che rendono ogni popolo unico e pertanto indispensabile per l’arricchimento della società umana.

    Purtroppo oggi anche lo sviluppo urbano delle città moderne tende a farci apparire tutti uguali, rendendo ogni individuo la copia dell’altro, facendoci perdere di vista le nostre origini e la nostra originalità e disperdendo la nostra ricchezza culturale.

    Questo avviene perché nell’essere umano spesso si presenta un sentimento di diffidenza nei confronti di chi ha culture e origini diverse dalla propria. Sono giornate come queste, però, che sensibilizzano l’umanità, facendo capire che nella diversità sta la libertà e che ognuno di noi può trarre benefici dall’altro a prescindere dalle sue origini!

    di Simone Bellomare


    Parole chiave:

    diversità culturale

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi