PANE CON LA MILZA - Una tradizione palermitana che risale al Medioevo
 
    Stai leggendo il giornale digitale di IS Einaudi Pareto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    PANE CON LA MILZA

    Una tradizione palermitana che risale al Medioevo

    Tra le più antiche ricette tradizionali del cibo da strada, il pane c’a meusa  è tra i più apprezzati  dalla popolazione palermitana, con una storia molto interessante.

    L'origine della “vastedda c’a mievusa” o “pani c’a meusa” si fa risalire al Medioevo, quando a Palermo era presente un folto gruppo ebraico, ed è uno di quei piatti che provengono dalla cucina kasher (cioè conforme alla legge, adatto). I cibi kasher, per la comunità ebraica, erano quelli che potevano essere consumati.

    Alcuni componenti di questa comunità erano impiegati nei mattatoi cittadini perché eccellevano nell’arte di squartare e sezionare i bovini. La fede religiosa obbligava gli ebrei a non percepire denaro per il lavoro di macellazione così, a titolo di ricompensa, trattenevano le interiora. Per potere trasformare in denaro il proprio lavoro, gli ebrei facevano  bollire le frattaglie e le rivendevano ai "gentili" (cristiani) come farcitura di pane e formaggio.

    Nel 1492, con l’allontanamento della comunità ebraica dai territori sottoposti al dominio spagnolo di Re Ferdinando II d'Aragona “il Cattolico”, di cui faceva parte la Sicilia, quest’attività passò, presumibilmente, ai “caciuttari”, che nel loro chiosco ambulante, oltre a servire il pane inzuppato nello strutto e riempito di formaggio, aggiunsero le interiora bollite e fritte.

    Nell’Ottocento nacquero poi le famose "focaccerie" dove ci si poteva sedere al tavolo e serviti da eleganti camerieri, si poteva gustare la "vastedda” in due versioni: schietta o maritata. Ancora oggi nelle focaccerie palermitane non si sfugge alla tradizionale domanda: “la vuole schietta o maritata”?

    La prima opzione prevedeva la pagnotta ripiena di milza e altri grassetti appetitosi fatti sfrigolare nello strutto caldissimo, con soltanto un po' di limone; la seconda aggiungeva della ricotta o caciocavallo a scaglie. Il formaggio veniva associato allegoricamente  al velo da sposa, da qui la dicitura “maritata”.

    Ancora oggi “u pani ca’ mievusa” si prepara secondo tradizione: forchetta senza i denti centrali per non sbriciolare le fettine di milza; padella inclinata, nella quale in basso frigge lo strutto e in alto stanno le interiora.

    Ricetta per 10 persone

    1 limone

    strutto o sugna

    4 panini al sesamo 

    100 grammi di caciocavallo

    sale e pepe q.b.

    200 grammi di polmone (di bovino)

    400 grammi di milza (di bovino)

    Procedimento

    In una padella, soffriggere con lo strutto le fettine di milza e le altre frattaglie, bastano pochi minuti, quindi farcire le pagnotte con la frittura ottenuta aggiungendo infine, a piacere, il caciocavallo. 



    di Alessandra Anello


    Parole chiave:

    ricettesiciliane

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi