LA GRANITA SICILIANA - Una bontà senza tempo
 
    Stai leggendo il giornale digitale di IS Einaudi Pareto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    LA GRANITA SICILIANA

    Una bontà senza tempo

    Le origini della granita siciliana sono antichissime, risalgono ai tempi della dominazione araba in Sicilia. Infatti la granita che gustiamo oggi deriva dallo “sherbet”, una bevanda araba ghiacciata ed aromatizzata con succhi di frutta o acqua di rose.

    Durante l’inverno, sui monti siciliani, in particolare sull’Etna, veniva raccolta la neve che veniva conservata fino all’estate nelle “niviere”, apposite costruzioni in pietra poste in grotte dove la temperatura si manteneva fresca. In estate la neve, divenuta ghiaccio, veniva grattata e ricoperta di sciroppo.

    Nel XVI secolo si scoprì che, con l’aggiunta di sale marino, la neve poteva diventare un ottimo refrigerante. Nacque così il pozzetto, un tino di legno con all’interno un secchiello di zinco (il pozzetto vero e proprio) in cui venivano messi gli ingredienti della granita (acqua, zucchero o miele, succo di limone o caffè) che venivano continuamente mescolati a mano in modo che i cristalli di ghiaccio rimanessero fini, dando alla granita quella consistenza cremosa tipica di questa bontà siciliana. Lo spazio tra il legno e il pozzetto veniva riempito con la miscela di sale e neve che serviva a congelare la preparazione.

    Nel XX secolo il pozzetto venne sostituito dalle moderne gelatiere.

    La parte orientale della Sicilia è quella che ancora oggi vanta il primato per la bontà delle sue granite.

    Le più diffuse, nel catanese così come nel messinese, sono quelle al pistacchio, alla mandorla, al caffè e ai gusti di frutta più disparati: gelsi, fragola, fichi d’india, cantalupo e il classico limone.

    Secondo la tradizione, la granita va gustata sempre assieme alla mitica e deliziosa brioche col tuppo con la quale forma una simbiosi fantastica.

    Come già detto troviamo la granita in tantissimi gusti, ma la regina indiscussa è quella al limone di cui vi proponiamo qui di seguito la ricetta, semplice e veloce da realizzare, con gelatiera o senza.

     

    Ingredienti:

    500 ml di acqua

    250 ml di succo di limone

    210 g di zucchero

     

    Procedimento:

    Spremete i limoni e ricavatene il succo. Utilizzate il succo di limone appena spremuto e non quello pronto del supermercato, mi raccomando!

    A parte, mettete in un pentolino l’acqua e lo zucchero e scaldate il tutto a fuoco dolce, mescolando. Non dovrà arrivare al bollore. Appena vedete che lo zucchero è sciolto e l’acqua è tornata limpida, spegnete il fuoco.

     

    Con gelatiera

    Trascorsi i 30 minuti in freezer, azionate la vostra gelatiera per qualche minuto e poi versate il liquido freddo all’interno. Fate lavorare la gelatiera per ca. 35-40 minuti, fino ad ottenere una granita compatta e cremosa.

    Senza gelatiera

    Dopo il passaggio in freezer di 30 minuti, rompete il ghiaccio in superficie con una frusta a mano e riponete in freezer per altri 30 minuti. Rompete nuovamente i cristalli di ghiaccio mescolando con la frusta a mano. Continuate così per 5-6 volte, ogni 30 minuti, fino ad ottenere un composto bianco e cremoso. La granita al limone fatta in casa è perfetta da mangiare subito, dopo tutti i passaggi in freezer. Se invece non la consumate subito, diventerà un composto piuttosto duretto. Ma non c’è problema! Dovrete lasciare la scodella a temperatura ambiente per ca. 10 minuti e poi rompere i cristalli con una forchetta, schiacciando il composto. Vedrete che in poco tempo la vostra granita al limone siciliana tornerà ad essere cremosa.

    di Simone Bellomare


    Parole chiave:

    granita siciliana

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi